Sessione 22

La riorganizzazione dell’azione pubblica a livello locale: il nodo della cittadinanza ai tempi del covid-19

Coordinatrici di sessione: Maria Dodaro (Università degli Studi di Milano-Bicocca), Barbara Giullari (Università di Bologna) e Carlotta Mozzana (Università degli Studi di Milano-Bicocca)

 

Descrizione

Come hanno evidenziato recenti analisi (Banca d’Italia 2020; Caritas 2020; Istat 2020), la pandemia ha avuto conseguenze economiche e sociali importanti e l’Italia corre il rischio che una nuova pesante recessione economica si innesti nell’onda lunga della crisi del 2008. Sebbene il crollo dei redditi sia stato sinora parzialmente frenato dalle misure di sostegno del governo e dal blocco dei licenziamenti, la crescita del numero di famiglie che non ha risorse sufficienti per far fronte alle spese primarie anche di un solo trimestre, la riduzione delle entrate tra i lavoratori indipendenti e la perdita del lavoro tra i precari e le donne sono fenomeni oramai marcati.

In Italia le conseguenze sociali della pandemia si manifestano d’altronde in un contesto di forte vulnerabilità che ne amplifica la portata (Andreotti e Mingione 2016): una situazione che ha radici nelle accentuate disparità territoriali e nella fragilità dei diritti sociali. I vincoli di spesa hanno peraltro, com’è noto, ristretto i margini dell’azione pubblica e contribuito a promuovere modelli di intervento basati sul trasferimento di responsabilità dallo Stato centrale ai livelli locali di governo con esiti ambivalenti. In questo contesto, da un lato la scala locale del welfare si è dimostrata un terreno privilegiato di sperimentazione per pratiche di innovazione sociale; dall’altro, i persistenti divari socioeconomici e territoriali continuano a mettere fortemente alla prova la capacità dei welfare locali di far fronte alle complesse trasformazioni sociali ed economiche e invertire la tendenza all’aumento delle diseguaglianze (Bifulco 2016).

Di fronte all’inedita crescita dei bisogni e dei rischi sociali scatenata dalla pandemia, alcuni sistemi di welfare locale si si sono trovati maggiormente pronti a rispondere all’emergenza sociale, attivando nuove e inaspettate forme di riorganizzazione, coordinamento e composizione di attori, ma anche di logiche e risorse. In altre parole, alcuni contesti si sono mostrati preparati (prepared) (Lakoff 2017; Keck 2020) nel senso che sono stati in grado di riflettere su e intervenire in un contesto incerto e potenzialmente catastrofico, perché sono stati in grado di leggerne rapidamente le dinamiche di trasformazione, individuare e prendersi cura di situazioni, e di farlo mettendo in campo risposte inedite e integrando una più ampia rete di interventi per sostenere e rafforzare le capacità di persone e territori. Le criticità emerse a fronte della recente crisi pandemica, e dei connessi rischi di tenuta democratica delle organizzazioni sociali, suggeriscono l’esigenza non solo di aggiustamenti, ma di un vero e proprio cambio di paradigma dell’azione pubblica, che si fondi tanto su un ripensamento dei processi di costruzione di conoscenza, degli oggetti e dei formati che la supportano (Giullari e de Angelis 2019; Mozzana 2019), tanto delle finalità e dei soggetti coinvolti, al fine di riorientare le logiche di intervento in un’ottica di interdipendenza tra nessi causali, tra dimensioni e sfere dell’esistenza (Tronto 2013).

In questo scenario, la sessione è aperta ad accogliere contributi di taglio teorico e/o empirico, differenti per campo disciplinare e appartenenza istituzionale, che affrontino la questione delle forme di riorganizzazione dell’azione pubblica su scala locale attivate in risposta alla crisi sociale aggravata della pandemia, focalizzando l’attenzione sull’impatto su soggetti e gruppi diseguali, anche al fine di trarre indicazioni di medio-lungo periodo in un’ottica trasformativa.

In particolare, saranno benvenuti paper che affrontino una o più delle seguenti questioni:

– Quali risposte istituzionali e quali solidarietà sociali sono state messe in campo a livello del welfare locale in risposta all’emergenza sociale della pandemia? Come istituzioni e comunità locali si sono riorganizzate nel contesto della pandemia, quali assetti organizzativi hanno preso forma in questo contesto, quali interazioni, riallineamenti o disallineamenti reciproci, con riferimento specifico a problemi di povertà emergenti o in crescita, nelle sue diverse espressioni? Quali impatti sulle articolazioni verticali e orizzontali degli assetti di governance?
– La pressione esercitata dalla situazione emergenziale pandemica nei confronti delle istituzioni, degli attori e delle politiche del welfare locale ha spinto verso l’adozione di modalità inedite, se non innovative, di azione? O, viceversa, la portata della crisi ha finito per neutralizzare totalmente o in parte le capacità locali di mobilitazione e innovazione?
– Quali attori, individuali e collettivi, hanno contribuito alla costruzione di conoscenza e basi di informazione a supporto di dinamiche di riconfigurazione delle azioni del welfare locale? Sulla base di quali forme di conoscenza sono state articolate le risposte? E attraverso che tipo di processi (consensuali, conflittuali, ecc.) questo è avvenuto?

 

Bibliografia

Andreotti A., Mingione E. (2016) Local welfare systems in Europe and the economic crisis. European Urban and Regional Studies, 23(3): 252–266.
Banca d’Italia (2020), Principali risultati dell’indagine straordinaria sulle famiglie italiane nel 2020, disponibile al link: https://www.bancaditalia.it/media/notizia/principali-risultati-dell-indagine-straordinaria-sulle-famiglie-italiane-nel-2020/
Bifulco L. (2016) Citizenship and governance at a time of territorialization: The Italian local welfare between innovation and fragmentation. European Urban and Regional Studies, 23(4): 628–644.
Caritas (2020), Gli anticorpi della solidarietà, disponibile al link: s2ew.caritasitaliana.it/materiali/Rapporto_Caritas_2020/Report_CaritasITA_2020.pdf
Giullari B., De Angelis G. (2019) La democrazia dei dati. Conoscenza e azione pubblica. Milano: Mimesis.
Istat (2020), Rapporto Annuale 2020. La situazione del paese, disponibile al link: https://www.istat.it/it/archivio/244848
Keck, F. (2020) Avian Reservoirs. Virus Hunters and Birdwatchers in Chinese Sentinel Posts, Durham and London: Duke University Press.
Lakoff A. (2017) Unprepared: Global Health in a Time of Emergency, Berkley: University of California Press.
Mozzana C., (2019) Welfare, capacità e conoscenza. Le basi informative dell’azione pubblica, Roma: Carocci
Tronto, Joan C. (2013) Caring democracy: markets, equality, and justice. New York: New York University Press.