Sessione 28 Contributed on line

Dalle parole ai servizi. Una ricerca sulla politica mediatica e sulla politica dei servizi

(A. Ciocia e M. Antonutti)          

Abstract

PREMESSA. Lo studio che si propone prende le mosse dalla considerazione che alla crescita dei flussi migratori, registrata nell’ultimo decennio, non corrisponde una risposta istituzionale a livello regionale/locale in termini di politica di accoglienza. Dopo un decennio di rapida intensificazione dei fenomeni legati al movimento delle persone, la “questione immigrazione” non è trattata a livello regionale/locale in modo organico o con la necessaria efficacia.

OBIETTIVO: Da questa premessa il nostro lavoro presenta una riflessione sulla tassonomia degli immigrati e dei migranti e sul linguaggio che i mass media utilizzano per descrivere il fenomeno di uscita e di entrata in Italia. Le parole utilizzate, dal titolo e dall’occhiello, classificano e stigmatizzano a proposito delle diverse categorie di “straniero”.

FONTI UTILIZZATE: Dati statistici generati dal Ministero dell’Interno, AIRE per ricostruire i flussi di entrata e uscita; per analizzare le politiche rivolte agli immigrati, si prende in considerazione un campione di Piani sociali di zona e somministrano Interviste a Testimoni Privilegiati che operano nel settore dei servizi sociali. Si analizzano titoli e sottotitoli di alcune Testate giornalistiche nazionali sul fenomeno migratorio.

IPOTESI DI LAVORO. S’ipotizza:
1) l’uso di un diverso “vocabolario” per descrivere gli italiani che emigrano (fonte AIRE) da quelli che arrivano in Italia (fonte Ministero dell’Interno) costruendo percezioni, opinioni e atteggiamenti, alzando o abbassando livello d’attenzione e di rilevanza dei due fenomeni.
2) la geografia multiforme dei servizi a livello locale, che segue il percorso di un migrante che arriva sulle coste italiane e poi entra nel sistema di accoglienza. Il sistema di accoglienza richiede un’azione pro-attiva da parte dei comuni, che non sempre, principalmente per convenienza politica, sono disponibili a gestire un progetto di accoglienza nei propri territori.